Basilica S. Nicolò

Un po’ di storia

I primi segni della presenza cristiana a Lecco sono rintracciabili sul colle di Santo Stefano dove sorgeva una chiesa dedicata al primo martire, caduta poi in abbandono, come documentano reperti archeologici.

Non si hanno notizie certe sulla fondazione della chiesa di San Nicolò nei pressi del lago. La dedicazione a questo santo è forse dovuta al suo essere venerato come protettore di naviganti, pescatori e commercianti, o anche per essere stato al Concilio di Nicea il difensore della vera fede contro l’eresia di Ario, portata dai longobardi anche nel territorio lecchese.

Pur non essendo improbabile una dedicazione a San Nicolò della chiesa altomedievale del borgo di Lecco, cominciamo ad averne menzione certa tra la fine dell’XI e l’inizio del XII secolo quando probabilmente l’edificio fu ricostruito.

Quella del XII secolo era una chiesa assai più piccola dell’attuale che proponeva il consueto schema architettonico romanico a tre navate, di cui la centrale più alta e soffittata con tavole lignee dipinte. Risale a fine Trecento l’ampliamento del transetto meridionale voluto dalla ricca famiglia Gazzari che portò alla formazione della cappella gentilizia dedicata a Sant’Antonio Abate (ora battistero), dove è ancora visibile un notevole ciclo pittorico sulla vita del Santo. Testimone dell’antica costruzione è anche il vecchio campaniletto, visibile a destra dell’ingresso laterale della Basilica, verso via Mascari.

La chiesa patisce la sua posizione a ridosso delle mura e i lecchesi, infatti, nel 1449 chiesero l’intervento di Francesco Sforza, duca di Milano, per urgenti restauri, necessari a causa di colpi di bombarda che avevano danneggiato il campanile, utilizzato come torre d’osservazione, e la stessa chiesa.

Divenuta sede pievana nel 1584, la costruzione subì trasformazioni significative a fine XVI secolo; dell’epoca è il magnifico fonte battesimale provvisto di ciborio ligneo a tempietto.

Basilica di S. Nicolo

Con l’abbattimento delle mura voluto da Giuseppe II, imperatore e duca di Milano, del 1782 Lecco cominciò ad espandersi e ad entrare in un periodo di relativa prosperità. Si pose allora anche il problema di una chiesa più grande. Il compito fu affidato all’arch. Giuseppe Bovara che aveva già realizzato altri edifici di culto nel territorio e che presentò i primi progetti a partire dagli anni 1828/30; i lavori si protrassero per molti anni, anche con significative modifiche rispetto ai progetti originari. Il cambiamento più rilevante fu l’abbandono dell’idea di realizzare il transetto che avrebbe dotato la chiesa di una pianta a croce latina. Vennero poi rimosse le antiche colonne (1848) e realizzata la grande volta a cassettoni. A partire dal 1857 si ingrandì la parte absidale con la realizzazione della cupola, del coro e post coro. A partire dal 1866 viene completata la facciata utilizzando un disegno lasciato dal Bovara. Nel 1886 venne allargato il sagrato e migliorata la scalinata che fu ulteriormente definita nel 1928.

Tra il 1960 e il 1969 furono effettuati (arch. Bruno Bianchi) lavori di adeguamento alle esigenze scaturite dal Concilio Vaticano II. In particolare, venne realizzato il nuovo altare rivolto verso l’assemblea con la conseguente eliminazione della balaustra e del tempietto che sovrastava il vecchio altare. Negli anni Novanta del secolo scorso vennero infine realizzati lavori di consolidamento delle strutture e di completo restauro e pulizia degli affreschi e degli stucchi.

Visitiamo la basilica

La facciata della basilica (1) è a capanna, con frontone triangolare e paraste coronate da capitelli in stile ionico. Sul frontone della facciata neoclassica si può leggere la dedica al santo patrono. Le porte sono state rifatte in bronzo nel 1975 ad opera dello scultore Enrico Manfrini (1917-2004) e donate dalla Banca Popolare di Lecco in memoria del suo presidente Mario Bellemo. La porta principale (2) è detta della Misericordia. Qui sono rappresentate, attorno alle immagini sedute di Gesù e Maria, scene della vita di Cristo. A sinistra della principale è la porta dei Papi (Giovanni XXIII e Paolo VI), si possono osservare gli stemmi e le effigi dei due pontefici del Concilio Vaticano II. A destra della principale è la porta dedicata ai Santi Patroni con le raffigurazioni di San Nicolò e Santo Stefano.

Entriamo e ci troviamo nell’ampio vestibolo (3)

IMG 3980 scaled 1

da cui si può cogliere l’imponenza della navata. Sulla destra si trovano il quadro del martirio di Pietro da Verona (4) e la statua di San Pietro (5) riproduzione di quella presente in Vaticano. A sinistra una pregevole vasca di epoca romanica (6) databile all’inizio del XII secolo. Sopra di noi l’affresco del Trionfo di Cristo opera di Luigi Morgari (1857-1935). Cristo Re è assiso in trono, ai suoi piedi le rappresentazioni allegoriche dei cinque continenti. Nei pennacchi le Virtù teologali (Fede, Speranza, Carità) e la Chiesa. Sulla controfacciata la cantoria e l’organo (costruito nel 1860 ma collocato in quella posizione nel 1891).

Oltrepassato il vestibolo possiamo ammirare la struttura della chiesa (7). Due navate laterali che si interrompono circa a metà della navata principale non distolgono l’attenzione dalla centralità del presbiterio. Sulla destra le nicchie sono ora occupate dai confessionali della penitenzieria. A sinistra si succedono cappelle dedicate ai santi, a San Nicolò (8), al Crocifisso, alla Madonna del Rosario e a San Giuseppe.

A destra, superato l’ingresso laterale, è la cappella di San Carlo (9), qui si possono vedere le grandi pietre squadrate che costituiscono i resti del transetto meridionale della chiesa medievale (10) e che delimitano i resti dell’antica cappella dedicata a Sant’Antonio (11), dove ora è posizionato il fonte battesimale risalente al XVI secolo; qui i resti di affreschi di epoca viscontea rappresentano la vita del Santo.

UnitaPast 41

Oltrepassata la cappella, sulla destra si apre la porta dell’antica sacrestia (normalmente non visitabile) che accoglie un pregevole armadio seicentesco di legno scolpito (12).

Siamo ora davanti al presbiterio (13). Il nuovo altare è realizzato in marmo di Carrara; sopra di noi, nella cupola, si trova l’altro grande affresco del Morgari che rappresenta la gloria del Rosario. La festa della Madonna del Rosario fu istituita da papa Pio V in ringraziamento per la vittoria nella battaglia di Lepanto contro i Turchi (1571) ottenuta grazie all’intercessione della Vergine. Nell’affresco la Madonna in trono appare a papa Pio V mentre dona il rosario a San Domenico, il Bambino fa lo stesso con Santa Caterina da Siena, gli angeli portano un arazzo raffigurante la battaglia. Nelle vele sono le rappresentazioni dei quattro evangelisti.

basilica san nicolo volta

Sempre del Morgari sono i due grandi affreschi alle pareti laterali: a destra il santo patrono Nicolò raffigurato mentre, al Concilio di Nicea, difende la fede nella Trinità, rappresentata da un mattone che racchiude in sé fuoco, terra e acqua (14). A sinistra, il martirio del compatrono Santo Stefano (15).

Sulle stesse pareti della navata centrale si susseguono gli affreschi dei dottori della Chiesa: S. Bonaventura, S. Tommaso, S. Bernardo e S. Alfonso; più in alto, ai lati delle vetrate, i Padri della Chiesa: S. Gerolamo, S. Gregorio Magno, S. Ambrogio e S. Agostino.

Nei sei tondi dietro l’altare sono raffigurati i santi Pietro e Paolo, Nicolò, Lorenzo, Eufrasio e il Beato Pagano (16). Negli altri 34 tondi presenti sulle pareti laterali sono raffigurati i santi arcivescovi di Milano con l’eccezione di Ambrogio e Carlo raffigurati nelle vetrate della galleria dietro l’altare. I tondi sono opera di Casimiro Radice (1834-1908) e Giovanni Valtorta (1811-1882). Gli stessi pittori sono gli autori delle dieci scene evangeliche presenti sulle pareti della navata centrale, degli affreschi delle cupolette nelle navatelle e della controparete del vestibolo. Versetti latini da Vangeli e Atti degli apostoli ne descrivono i contenuti.

Sono ancora da notare il pulpito di legno intagliato che risale a fine XVIII secolo (17)

basilica san nicolo pulpito

e la Via Crucis in bronzo dello scultore Manfrini collocata nel 1968/69 in sostituzione dei precedenti dipinti ottocenteschi.

Screenshot 435

Mappa della Basilica San Nicolò