“Outdoor education” alla Scuola Papa Giovanni XXIII

Il cortile della scuola dell’Infanzia “Papa Giovanni XXII” (con i bambini dai 3 ai 6 anni), della Sezione Primavera “Pulcini” (che accoglie i bambini di due anni) e del Centro Prima Infanzia “Trallallà” (con i bambini dai 6 mesi ai 36 mesi), che sorge all’ombra della basilica e del campanile di San Nicolò, a poco a poco sta cambiando il suo volto. Grazie al finanziamento del Comune di Lecco, la scorsa Primavera sono stati completamente rinnovati parte significativa degli spazi esterni.

Il desiderio e la necessità – emersi a partire dall’osservazione dei bambini – sono stati quelli di riqualificare in prima battuta l’area verde. Si è valutata la possibilità di rendere l’area sotto i tre alberi e l’aiuola accantofonte di scoperta, attrazione e apprendimento a diversi livelli.

L’idea è quella di rendere lo spazio esterno un vero e proprio ambiente educativo-didattico realizzato con materiali naturali creando vere e proprie aule didattiche all’aperto. Il desiderio è quello di educare alla bellezza, alla cura del creato e della natura, al senso civico e al rispetto, offrendo ai bambini aree di stimolazione e apprendimento a partire da azioni molto semplici quali toccare, osservare, coltivare. 

Per attivare la fantasia e supportare le esperienze di interazione con l’ambiente esterno, si è scelto la natura e l’elemento naturale. Legno, corteccia, cippato, varietà materica e arricchimento delle essenze da coltivare e osservare secondo stagione, tutto fruibile ai bambini attraverso percorsi didattici appropriati.

Le vasche e vasi in legno, con sistema panca/tavolo, per definire l’aiuola grande dei tre aceri, fungono da nuova recinzione e vengono valorizzate ed utilizzate dai bambini che, grazie all’aiuto dell’agronomo e del giardiniere, le hanno arricchite con fiori stagionali e piante aromatiche.

Le casette e le tane in legno offrono ai bambini la possibilità di un ricco gioco simbolico, di nascondersi, di sentirsi protetti, di fare attività motoria, di concedersi zone di relax, di silenzio, ascolto e narrazione immersi nella natura.

Gli alberi sono la casa naturale degli uccelli; il prato e i fiori nutrono insetti e farfalle, la vita brulica e la natura è una meraviglia da osservare ma anche di cui possiamo prenderci cura. In novembre i bambini potranno predisporre il cibo per gli uccellini così che durante l’inverno possano trovare riparo nelle casette appese agli alberi. Sarà possibile osservare il loro passaggio e trovare tra il cippato qualche guscio d’uovo schiuso. 

Realizzazione di un’area delimitata da tronchi e legno naturale contenente materiali differenti per le diverse aree, al fine di sperimentare con il tatto, la vista, l’udito e l’olfatto i rumori, suoni, la consistenza e i colori dei diversi materiali messi a disposizione. I tronchi che delimitano le isole sensoriali potranno essere utile strumento per fare dei percorsi e sperimentare diverse altezze e posizioni. 

Il corpo trova espressione anche nel movimento: questo bisogno viene soddisfatto lasciando un’ampia area libera da materiale, adatta alla corsa e al gioco. Nel bosco incantato c’è una scaletta appesa all’albero che permette di arrampicarsi sotto lo sguardo della maestra e sperimentare così forza e coraggio.

L’apprendimento nello 0-6 anni avviene attraverso l’esperienza della realtà che ci circonda. La scuola dell’infanzia è il luogo per fare esperienze dirette. In questa cornice si colloca lo spazio esterno in cui il bambino diventa esploratore, osservatore e scienziato curioso a tutto quello che incontra usando tutti i sensi. Come diceva San Tommaso d’Aquino niente è nell’intelletto che non sia stato prima nei sensi.

Condividi

Correlati

News

Vita da oratorio

QUINTE ELEMENTARI IN VISITA AL DUOMO DI MILANOI nostri bambini di quinta elementare, insieme alle loro catechiste, nella mattina di sabato 26 novembre faranno visita