Venerdì 5 maggio, continuano i concerti di Santa Marta

La rassegna di musica antica “I concerti di Santa Marta”, inaugurata con l’emozionante concerto dei Cantori Gregoriani, entra nel vivo venerdì 5 maggio alle ore 21 con un appuntamento straordinario a ingresso libero nell’omonima chiesa di Lecco.

Protagonista della serata è il gruppo Astrarium Consort, che impagina un affascinante viaggio nella musica italiana del Seicento destinata al canto devozionale. Il quadro di fondo è la contrapposizione fra Riforma protestante e Riforma cattolica nell’epoca a cavallo fra Cinque e Seicento, contrapposizione particolarmente viva nell’area prealpina, dove il contatto fra persone di diverse fedi era strettissimo. Le musiche eseguite nel concerto furono raccolte e pubblicate nel 1657 per l’oratorio di San Filippo Neri a Chiavenna, un punto nevralgico per la sua prossimità alla Svizzera protestante. 

I testi poetici hanno un fine preciso: esprimere in poesia i contenuti fondamentali della fede cattolica, mentre la musica, che riprende in molti casi delle “arie comuni”, cioè melodie profane all’epoca popolari, ha il compito di rendere i testi piacevoli e facili da memorizzare.  Questi canti, destinati a ribadire e diffondere i capisaldi della fede, erano pensati per essere eseguiti anche nei luoghi più sperduti delle Alpi, e perciò prevedono l’accompagnamento con la “chitarra spagnola”, come all’epoca era chiamato l’antenato dello strumento moderno. Composizioni su temi popolari si alternano a nuove creazioni, fra cui  alcuni brevissimi dialoghi, dove i cantanti sono veri e propri personaggi che raccontano brevi storie in pochi minuti. 

Concerto 5 05

La ricchezza di generi e forme della raccolta di Chiavenna è resa da Astrarium Consort con un ricco ensemble di cantanti e strumentisti: i soprani Felicita Brusoni e Grazia Bilotta e il basso Victor Andrini sono accompagnati da Cecilia Medi al fagotto, Sofia Ferri alla tiorba e chitarra barocca, Silvia De Rosso al contrabbasso, sotto la direzione di Carlo Centemeri, che suona anche l’organo.

Astrarium Consort è un progetto collettivo di ricerca creato nel 2014 da un gruppo di musicisti interessati  al repertorio barocco. Formato da ricercatori e interpreti che collaborano con importanti realtà  della musica antica di tutto il mondo (Italia, Giappone, Grecia, Brasile, Spagna…), ha come scopo la riproposizione di pagine inedite del repertorio italiano e milanese.

La rassegna “I concerti di Santa Marta” è organizzata dall’Associazione Culturale Madonna del Rosario con il contributo di Fondazione Comunitaria del Lecchese, Lario Reti Holding e Acinque attraverso il Fondo Sostegno delle Arti dal Vivo. Realizzata con la consulenza del musicologo Angelo Rusconi, si sviluppa nell’ambito del progetto “L’arte dello spirito: musiche e voci di riflessione” ideato da monsignor Davide Milani.

Condividi

Correlati

News

Insieme per dire “grazie”

Una giornata vissuta insieme dalle amiche e dagli amici dell’oratorio San Luigi di Lecco, un bel momento per concludere il cammino di questo anno pastorale

News

Gli animatori in piazza Duomo

Ieri gli animatori degli oratori estivi hanno incontrato il vescovo Mario Delpini, in piazza del Duomo. Tra loro anche le ragazze e i ragazzi della