Con “Il Legionario” e il suo regista, al Nuovo Aquilone si parla di sfratti

Il tema delle case occupate è sempre più centrale nel cinema italiano. Con Il Legionario il regista bielorusso – ma cresciuto a Lecco – Hleb Papou, torna sul tema. Il film è in sala al Nuovo Aquilone giovedì e sabato, nella proiezione del fine settimana l’opera viene introdotta e discussa insieme al regista Papou.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IL_LEGIONARIO_locandina.jpeg

Trama de Il Legionario

In poco tempo abbiamo visto due titoli affini, dai contenuti simili, che differiscono solo nel linguaggio: Spin Time, Che fatica la democrazia! di Sabina Guzzanti e Il legionario di Hleb Papou. Il primo è un documentario, il secondo un racconto di finzione. Il legionario affonda quindi le radici nell’attualità. Affronta il multiculturalismo, l’abbandono da parte delle istituzioni, il diritto alla casa. Il personaggio principale è quello di un celerino di nome Daniel, italiano di seconda generazione, che spesso viene mandato a sorvegliare gli sgomberi. Fino a quando è costretto a mettersi contro la sua stessa famiglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Il-legionario-1024x1024.jpeg

I giorni e gli orari di proiezione de Il Legionario al Nuovo Aquilone sono i seguenti: giovedì 3 marzo ore 21.00, sabato 5 marzo ore 21.00, alla presenza del regista Hleb Papou 

QUI il trailer de Il Legionario: 

Biglietti

Tutti i biglietti per Il Legionario si possono acquistare in sala il giorno della proiezione oppure online al seguente indirizzo: https://www.aquilonelecco.it/acquista-online/. Per ulteriori informazioni invitiamo a consultare il sito https://www.aquilonelecco.it/ e ad iscriversi alla Newsletter settimanale

Condividi

Correlati

News

Insieme per dire “grazie”

Una giornata vissuta insieme dalle amiche e dagli amici dell’oratorio San Luigi di Lecco, un bel momento per concludere il cammino di questo anno pastorale

News

Gli animatori in piazza Duomo

Ieri gli animatori degli oratori estivi hanno incontrato il vescovo Mario Delpini, in piazza del Duomo. Tra loro anche le ragazze e i ragazzi della