Il 10 aprile è la Domenica delle Palme, a Lecco si prega anche per la pace in Ucraina

Domenica 10 aprile è Domenica delle Palme. Nelle piazze del centro di Lecco e nella Basilica di San Nicolò si benedicono gli ulivi, quegli ulivi e palma con cui a Gerusalemme si accolse Gesù, re della pace. Per ciò in questa occasione, con la tragedia della guerra in Ucraina ancora in corso, di prega anche per la pace nell’est dell’Europa.

Il punto di ritrovo è piazza Garibaldi alle ore 9.30 per la preghiera di benedizione degli ulivi e per la pace in Ucraina. L’arrivo in Basilica per la Messa è previsto per le ore 10.00, dopo aver attraversato le piazze XX settembre e Cermenati.

«Con la domenica delle Palme iniziamo insieme alla chiesa universale le celebrazioni e i riti della Settimana Santa – spiega il prevosto di Lecco don Davide Milani -. Quest’anno, in particolare, la benedizione degli ulivi e la processione evidenziano un tratto quanto mai attuale e necessario del mistero che celebriamo. 

Basilica di San Nicolo 1

Nella domenica delle palme contempliamo Gesù che entra in Gerusalemme, cavalcando un asino, accolto dal giubilo festante di chi lo accoglie come re della pace agitando i rami in segno di gioia. Sentiamo l’urgenza di invocare e accogliere Gesù come re della pace in questi giorni segnati dalla tragedia della guerra in Ucraina e nei troppi conflitti dimenticati che insanguinano il mondo. I Cristiani – continua monsignor Milani – credono in Cristo venuto nel mondo a portare la pace autentica e per questo lo invocano pregando, camminando in processione dietro la sua croce segno della sua vittoria sulla morte, l’odio e il peccato, agitando i rami d’ulivo, segno della speranza che si compie e dell’impegno personale ad accogliere e testimoniare questa pace. In ogni parrocchia di Lecco si compie questo gesto domenica 10 aprile».

Condividi

Correlati

News

 “Opere Sante” supera i 5.000 visitatori

“Opere Sante”, l’edizione 2022/2023 dell’evento “Capolavoro per Lecco” ha superato quest’oggi i 5 mila visitatori: 5.315, per l’esattezza sono le persone che hanno avuto modo,